Home

 Shop at Margherita Conad, Da Tonino and Save Cash

>Cerca nel Sito    >>Cerca con Arianna 

> Msn

 TWP®

Benvenuti a Pisciotta.net

 

by Frank Veneroso

Lana's World | Shopping |  E-Mail Us | Comunità e chat | Vacanze   

  You want to be "a Taliban"

Canzoni Italiane | Radio | Tv News | Sanremo

Primizie By Lana

 

 

Paestum | Ascea | Pisciotta | Palinuro | Camerota  

   
..
 
PENSIERI IN
LIBERTA`
La raccolta delle ulive
La Canzone dell'ulivo

Ieri Oggi Domani
I Pisciottani partono

Storia
Gastronomia
Eventi
Territorio
Dove Siamo


Festivita`
Photo Album
Links

Sanremo Festival
Canzoni Italiane
questa radio puoi ascoltarla on line
Tv Notizie Rai

Primizie

Informazioni

Case in affitto
Case in vendita
San Carlo
 
Visit Our
Message Board
 
Radio Localiquesta radio puoi ascoltarla on line
 

 

 

 

 
========.--.....===
Storia
English Version
Documenti storici Un po` di storia
     

Un uomo scaltro come un saraceno, con la figura di un principe Normanno, la gioia dell'arte di un antico greco, signore di vita come uno spagnolo, e giusto e forte come un romano, tira la somma: "il vero pisciottano".
P
arafrasando un detto conosciuto, forse riusciamo a delineare la "figura" storica del pisciottano. Dimostrano quanto su affermato, le vicissitudini riportate, per sommi capi, nei cenni storici che seguono. Pensate, le prime ipotesi sulle origini e sulla storia di Pisciotta, sono collegate alla distruzione di Troia (650 A.C.). Le cose sembra siano andate più o meno così.

Nel 650 A.C. i troiani, sfuggiti all'incendio ed alla distruzione della loro città, approdarono sul lido ionico, dove fondarono Siri. Gli abitanti di Siri, i Sirini, avanzarono verso Ovest, seguendo l'ampia valle del fiume Sinni, fino al lago ed al monte Sirino (che da essi presero il nome), presso l'odierna Lagonegro. Fondata Siruci (oggi Seluce, frazione di Lauria), si spinsero fino al mar Tirreno, sul lido dell'odierno Golfo di Policastro.

Qui essi fondarono la colonia di Pixous. A testimonianza di ciò una rarissima serie di antiche monete, recanti, in caratteri arcaici, i nomi coniati di Sirinos e Pixoes, riferentisi, rispettivamente, alle popolazioni delle due città di Siri e Pixous. Perchè Pixous? Il nome "Pixous", dalla radice "PYX", deriva dal bosso (buxus semprevivens), arbusto sempre verde delle buxacee (simbolo della giovinezza e della forza, del coraggio, della perennità del pensiero e dell' opera; il bosso orna lo stemma del Comune di Pisciotta). Una curiosità: le siepi dei giardini del Quirinale a Roma sono costituite da bosso.

Dall'etimologia greca e da quella latina derivano i nomi di Pixous, Pixo, Pixunte, Buxentum e Bissento. Nel 194 A.C. la pixous greca divenne la Buxentum romana e nel 915, quando questo centro viene depredato e bruciato dai Saraceni di Agropoli, ne ha già cambiato il nome latino in quello attuale di Policastro. E' l'anno 915 a segnare la nascita di Pisciotta. Gli abitanti di Bussento, dopo che i Saraceni di Agropoli assalirono, saccheggiarono e diedero alle fiamme il loro villaggio,cercarono scampo sui monti e sulle alture circonvicine.

Molti si trasferirono al di là dei promontorio di Palinuro, dove formarono un piccolo villaggio, che chiamarono, in ricordo della perduta patria, Pixoctum, cioè piccolo Pixous. Da Pixoctum si ebbero poi Pixocta, Pissocta e Pisciotta. Nulla sappiamo dei primi anni di vita del nuovo borgo e solo nel XII secolo, sotto Guglielmo II, troviamo per la prima volta il toponimo Pissocta, posseduta come feudo da Niello, suo cittadino. E' del 1144 il documento più antico che riporta il nome di Pisciotta, il Catalogus Baronum. L'anno 1464 segna poi per il paese uno sviluppo notevole allorquando gli abitanti superstiti di Molpa, in seguito alla distruzione del loro villaggio si rifugiarono a Pisciotta.

Fino al 2 Agosto 1806, quando Giuseppe Napoleone re di Napoli decretò finita la feudalità, la storia di Pisciotta è una interminabile enumerazione di passaggi feudali da un "Padrone" all'altro. I Caracciolo (1270), i Sanseverino (nel 400), i Pappacoda (1590), sono alcune delle famiglie (tra le più potenti del regno) ad averne avuto il possesso. (Uno dei tanti passaggi: Pisciotta acquistata nel 1554 da don Sancho Martinez de Leyna, capitano generale delle regie galee, per 17.000 ducati, fu rivenduta nel 1578 a don Camillo Pignatelli per 30.000 ducati.

Da segnalare due sacerdoti eletti vescovi: Luigi Pappacoda di Pisciotta, nominato Vescovo di Capaccio nel 1635 (che, tra l'altro, rimase a Pisciotta senza trasferirsi a Capaccio e fece della bella chiesa di S. Pietro la Cattedrale) e Giovanbattista de Bellis di Rodio, Vescovo di Telese. Nel 1708, con i suoi 2163 abitanti, è tra i popolosi ed importanti paesi a Sud di Salerno.

L'anno 1806 fu teatro di duri scontri tra Francesi e Borboni. La guerra tra Francesi e Spagnoli, i moti del Cilento e l'epopea Garibaldina, a cui, in nome della indipendenza e della libertà, presero parte i figli migliori di Pisciotta, sono i grandi avvenimenti della Storia del Paese. Il Cenotafio di Palinuro, il Castello, le torri di avvistamento, la Chiesa di S. Pietro, i Palazzi padronali, sono alcune testimonianze del passato, tramandate ai nostri giorni.

 


Se avete ulteriori informazioni sulla storia di Pisciotta,
o per eventuali correzioni scrivete a : 
webmaster@pisciotta.net

 

 

English Version
 

Condizioni per l'utilizzo,  Copyright Policy  ed Informativa sulla privacy
©1999- Pisciotta Net * Tutti i diritti riservati.
Names of actual companies and products mentioned herein may be the trademarks of their respective owners.


Created by © Tayla Web Pages  & Frank Veneroso
Per eventuali problemi scrivete a 
WebMaster@pisciotta.net