Shop at Margherita Conad, Da Tonino and Save Cash

>Cerca nel Sito  >>Cerca con Arianna 

> Msn

 TWP®

Le festivita`

Paestum | Ascea | Pisciotta | Palinuro | Camerota

 

 

 

 
Il Natale
Canzoni di Natale
 

Il Presepe
Il Presepe Napoletano

L'Albero
Babbo Natale

Capodanno
La stella di Natale

La Befana

Festa della Befana ad  Urbania
Le calze della Befana
Le Filastrocche


I Dolci
RicetteTradizionali


Nuttata 'e Natale
Pastorale
(Quanno nascette
Ninno a Bettalemme)

Natale
(Presepio in costruzione)

 

Una calza piena di…

Attraverso i secoli e le usanze popolari, l'immagine pittoresca della Befana ha varcato, dopo alterne fortune, le soglie del terzo millennio. 

 

La Befana - Epifania, in un quadro più propriamente sacro, dove la ricorrenza celebra la "manifestazione" del divino agli occhi dei Re Magi - incarna da sempre una tradizione cara al nostro Paese. 

A metà tra le credenze magiche pre-cristiane e la secolare cultura contadina italiana, la buona vecchia vestita di abiti logori, con il caratteristico cappellaccio, le scarpe consunte e fuori misura e l'immancabile scopa, rappresenta nell'immaginario collettivo un momento di transito: passate le festività natalizie e archiviato l'anno vecchio, si va incontro a una nuova stagione.

 La Befana viene nella notte tra il 5 e il 6 gennaio, carica di doni, dwpe1.jpg (10427 bytes)olciumi e carbone, e si cala, attraverso il camino, nelle case per fare visita ai bambini e lasciare nelle calze appese al focolare omaggi buoni o cattivi. Ritemprata dalle vivande che i piccoli le hanno disposto vicino al fuoco, riprende il lungo viaggio in groppa alla sua scopa.

Ricca di forti simbologie, la festa porta con sé l'idea del distacco dagli eventi negativi dell'anno passato (nell'immagine del carbone) e dell'auspicio di un futuro migliore (i doni), depositato all'interno dell'indumento più rappresentativo del mondo rurale (la calza di lana, emblema del cammino e del duro lavoro agreste). Nella vecchietta si ritrova dunque il culto mitico della Dea genitrice, custode del focolare e signora della morte e della vita.

In un passato povero e umile, la festività era anche l'occasione per rimpinguare i miseri guadagni familiari di coloro che, travestiti da Befana, in quella notte andavano di porta in porta offrendo auguri e sorrisi in cambio di un obolo.

 
 

ENGLISH VERSION
.

Condizioni per l'utilizzo,  Copyright Policy  ed Informativa sulla privacy
©1999 - Pisciotta Net * Tutti i diritti riservati.
Names of actual companies and products mentioned herein may be the trademarks of their respective owners.


Created by © TaylaNet  & Frank Veneroso
Per eventuali problemi scrivete a 
WebMaster@pisciotta.net