Shop at Margherita Conad, Da Tonino and Save Cash

>Cerca nel Sito  >>Cerca con Arianna 

> Msn

 TWP®

Le festivita`

Paestum | Ascea | Pisciotta | Palinuro | Camerota

 

 

 

 
Il Natale
Canzoni di Natale
 

Il Presepe
Il Presepe Napoletano

L'Albero
Babbo Natale

Capodanno
La stella di Natale

La Befana

Festa della Befana ad  Urbania
Le calze della Befana
Le Filastrocche


I Dolci
RicetteTradizionali


Nuttata 'e Natale
Pastorale
(Quanno nascette
Ninno a Bettalemme)

Natale
(Presepio in costruzione)

 

 

 

 Poesie e Canzoni 'e Natale

Pastorale

 (Quanno nascette Ninno)
Traduzione in Italiano

Quanno nascette Ninno a Bettalemme
Era nott', e pareva miezo juorno
Maje le Stelle - lustre e belle
Se vedetteno accossì:
E a cchiù lucente
Jett'a chiammà li Magge all'Uriente.

De pressa se scetajeno l'aucielle
Cantanno de na forma tutta nova:
Pe 'nsì agrille - co li strille,
E zombanno a ccà e a llà;
E' nato, è nato,
Decevano, lo Dio, che nc'à criato.

Co tutto ch'era vierno, Ninno bello,
Nascetteno a migliara rose e sciure.
Pe 'nsì o ffieno sicco e tuosto
Che fuje puosto - sott'a Te, Se 'nfigliulette,
E de frunnelle e sciure se vestette.

A no paese che se chiamma Ngadde,
Sciurettero le bigne e ascette l'uva.
Ninno mio sapuritiello,
Rappusciello - d'uva sì Tu;
Ca tutt'amore
Faje doce a vocca, e po mbriache o core.

No nc'erano nemmice pe la terra,
La pecora pasceva co lione;
Co o caprette - se vedette
0 liupardo pazzeà;
L'urzo e o vitiello
E co lo lupo 'n pace o pecoriello.

Se rrevotaje nsomma tutt'o Munno,
Lu cielo, a terra, o mare, e tutt'i gente.
Chi dormeva - se senteva
Mpiett'o core pazzeà
Pe la priezza;
E se sonnava pace e contentezza.

Guardavano le ppecore i Pasturi,
E n'Angelo sbrannente cchiù do sole
Comparette - e le decette:
No ve spaventate no;
Contento e riso
La terra è arreventata Paraviso.

A buje è nato ogge a Bettalemme
Du Munno l'aspettato Sarvatore.
Dínt'i panni o trovarrite,
Nu potite - maje sgarrà,
Arravugliato,
E dinto a lo Presebio curcato.

A meliune l'Angiule calare
Co chiste se mettetten'a cantare:
Gloria a Dio, pace 'n terra,
Nu cchiù guerra - è nato già
Lo Rre d'amore,
Che dà priezza e pace a ogni core.

Sbatteva o core mpietto a ssi Pasture;
E l'uno 'nfaccia all'auto diceva:
Che tardammo? - Priesto, jammo,
Ca mme sento scevolì
Pe lo golio
Che tengo de vedè sso Ninno Dio.

Zombanno, comm'a ciereve ferute,
Correttero i Pasture a la Capanna;
Là trovajeno Maria
Co Giuseppe e a Gioja mia;
E 'n chillo Viso
Provajeno no muorzo i Paraviso.

Restajeno ncantate e boccapierte
Pe tanto tiempo senza dì parola;
Po jettanno - lacremanno
Nu suspiro pe sfocà,
Da dint'o core
Cacciajeno a migliara atte d'amore.

Co a scusa de donare li presiente
Se jetteno azzeccanno chiano chiano.
Ninno no li refiutaje,
L'azzettaje - comm'a ddì,
Ca Ile mettette
Le Mmane ncapo e li benedicette.

Piglianno confedenzia a poco a poco,
Cercajeno licenzia a la Mamma:
Se mangiajeno il Pedille
Coi vasille - mprimmo, e po
Chelle Manelle,
All'urtemo lo Musso e i Mascarielle.

Po assieme se mettetteno a sonare
E a cantà cu l'Angiule e Maria,
Co na voce - accossì doce,
Che Gesù facette: a aa...
E po chiudette
Chill'uocchie aggraziate e s'addormette.

La nonna che cantaieno mme pare
Ch'avette a esse chesta che mò dico.
Ma nfrattanto - io la canto,
Mmacenateve de stà
Co li Pasture
Vecino a Ninno bello vuje pure.


   "Viene suonno da lo Cielo,
   Vien'e adduorme sso Nennillo;
   Pe pietà, ca è peccerillo,
   Viene suonno e non tardà.

   Gioia bella de sto core,
   Vorria suonno arreventare,
   Doce, doce pe te fare
   Ss'uocchie bell'addormentà.

   Ma si Tu p'esser'amato
   Te si fatto Bammeniello,
   Sulo amore è o sonnariello
   Che dormire te po fa.

   Ment'è chesto può fa nonna,
   Pe Te st'arma è arza e bona.
   T'amo, t'a... Uh sta canzona
   Già t'ha fatto addobeà!

   T'amo Dio - Bello mio,
   T'amo Gioja, t'amo, t'a... ".


Cantanno po e sonanno li Pasture
Tomajeno a le mantre nata vota:
Ma che buò ca cchiù arrecietto
Non trovajeno int'a lu pietto:
A o caro Bene
Facevan'ogni poco ò va e biene.

Lo nfierno sulamente e i peccature
Ncocciuse comm'a isso e ostinate
Se mettetteno appaura,
Pecchè a scura - vonno stà
Li spurteglíune,
Fujenno da lo sole lì briccune.

Io pur songo niro peccatore,
Ma non boglio esse cuoccio e ostinato.
Io non boglio cchiù peccare,
Voglio amare - voglio stà
Co Ninno bello
Comme nce sta lo voje e l'aseniello.

Nennillo mio, Tu sì sole d'amore,
Faje luce e scarfe pure o peccatore;
Quanno è tutto - niro e brutto
Comm'a pece, tanno cchiù
Lo tiene mente,
E o faie arreventà bello e sbrannente.

Ma Tu mme diciarraje ca chìagniste,
Acciò chiagnesse pure o peccatore.
Aggio tuorto - haje fosse muorto
N'ora primmo de peccà!
Tu m'aie amato,
E io pe paga t'aggío maltrattato!

A buje, uocchie mieje, doje fontane
Avìte a fa de lagreme chiagnenno
Pe Ilavare - pe scarfare
Li pedilli di Gesù;
Chi sa pracato
Decesse: via, ca t'aggio perdonato.

Viato me sì aggio sta fortuna!
Che maje pozzo cchiù desiderare?
0 Maria - Speranza mia,
Ment'io chiagno, prega Tu:
Penza ca pure
Sì fatta Mamma de li peccature.
 
 
   


 

 

ENGLISH VERSION
.

Condizioni per l'utilizzo,  Copyright Policy  ed Informativa sulla privacy
©1999 - Pisciotta Net * Tutti i diritti riservati.
Names of actual companies and products mentioned herein may be the trademarks of their respective owners.


Created by © TaylaNet  & Frank Veneroso
Per eventuali problemi scrivete a 
WebMaster@pisciotta.net